Ultimi Post


Video Tutorial 5 Il personaggio parte 2

Video tutorial

I nostri laboratori in Classe

I laboratori

Il libro è il pretesto necessario, le parole e le immagini attivano il meccanismo della fantasia, della curiosità, della conoscenza, meccanismo che è anche alla base del lavoro teatrale.  Il teatro non è solo finzione, ma si pone come strumento educativo: attraverso il gioco si trasmettono principi quali l’attenzione ai compagni, l’ascolto reciproco, il sostegno.

Il laboratorio propone un’interazione fra il libro e il teatro usando come punto di contatto ciò che nei bambini esiste già nella sua forma più autentica: il gioco. Attraverso l’improvvisazione si lavora sulla libera espressione: così il bambino sperimenta le proprie sensazioni, le emozioni e la relazione con gli altri traducendoli nel linguaggio del corpo.

Il lavoro si divide in tre fasi

  1. Costruzione dei personaggi e dell’ambientazione della storia
  2. Trama della storia
  3. Finale della storia e realizzazione del libro.

Il nostro progetto è incentrato sul tema dell’inclusione, e il suo obiettivo è quello di far lavorare le classi delle diverse province partecipanti in stretta collaborazione. Questo sarà reso possibile grazie a un meccanismo molto semplice, simile al passaparola, che noi abbiamo rinominato passalastoria, e consiste in un gioco di scambio: l’elaborato prodotto in ogni fase di lavoro da una classe sarà integrato e concluso da un’altra classe.

Il Progetto Sorrisi, propone un percorso che inizia con la lettura creativa del testo e la produzione di materiali artistici, quali disegni ed elaborati di scrittura creativa. Si proseguirà con i giochi d’improvvisazione teatrale, per trasformare il lavoro artistico degli allievi in una storia. Tutto si concluderà con la creazione di un e-book col supporto di un tecnico informatico, a disposizione degli alunni come guida durante tutte le fasi del processo di elaborazione. 

 

Progetto Sorrisi

Il progetto

Il Progetto “Sorrisi” è nato nel 2013 per promuovere contenuti editoriali innovativi rivolti a bambini degli Istituti Comprensivi calabresi.

L’iniziativa è stata promossa con successo già nell’a.s. 2013-2014 nell’ambito del Piano per il diritto allo studio della Regione Calabria-Dipartimento Pubblica Istruzione ed ha ricevuto anche il  patrocinio dell’ Ufficio Scolastico Regionale. Il progetto è stato ripetuto nel 2015 e 2016 grazie anche al fondamentale sostegno dell’Istituto Banco di Napoli-Fondazione che ha riconosciuto la particolare valenza educativa e formativa dell’iniziativa. Per l’anno scolastico 2016-2017, il progetto è stato ritenuto meritevole di sostegno da parte della Regione Calabria nell’ambito delle attività finanziate dalla Legge regionale per il diritto allo studio. 

Il progetto “Sorrisi” è finalizzato a educare i più piccoli alla lettura attraverso il libro – nella sua doppia “veste” cartacea e digitale – inteso come finestra aperta sul mondo e strumento ideale per la crescita cognitiva ed emotiva.

Attraverso un percorso di laboratori basati sul gioco e l’improvvisazione creativa, che saranno ospitati da una rete di istituti comprensivi calabresi con sedi periferiche nelle 5 provincie Calabresi, i bambini potranno acquisire la capacità di far nascere una nuova storia collettiva, con le loro parole e i loro personaggi.

 

PERCHE’ NASCE IL “PROGETTO SORRISI”?

Il progetto “Sorrisi” nasce per promuovere contenuti editoriali rivolti a bambini di fascia 5-9 anni. Il libro, finestra aperta sul mondo, è strumento ideale per una crescita cognitiva ed emotiva, e si coniuga perfettamente con i diritti - spesso sottovalutati - dei bambini all’attività intellettuale, all’espressione, all’immaginazione, alla comprensione degli aspetti naturali e sociali, e alla possibilità di selezionare informazioni che permettono loro di costruire i rapporti col mondo, con gli altri e con se stessi.

L’intervento è finalizzato a educare il pubblico in età evolutiva all’esplorazione e conoscenza dei sentimenti attraverso la lettura di  libri in formato cartaceo e digitale – strumento in tal modo fruibile dai bambini in modo creativo e dilettevole, arricchendo il loro benessere cognitivo lungo tutto l’arco di una sana crescita psicofisica.

 

IN CHE COSA CONSISTE E PER CHI NASCE IL “PROGETTO SORRISI”?

Il progetto “Sorrisi” propone un lavoro sull’esplorazione dei sentimenti e delle emozioni facendo interagire i personaggi creati durante le improvvisazioni, con i disegni e le storie elaborate da ciascun partecipante.

I “grandi” leggono le fiabe ai figli, i bambini inventano le storie per i genitori. L’obiettivo è quello di elaborare, partendo dall’analisi guidata del testo (cartaceo e digitale), un percorso basato sul gioco e l’improvvisazione creativa (attiva) attraverso il quale i bambini acquisiranno la capacità di far nascere una nuova storia collettiva, con le loro parole e i loro personaggi.

Passo successivo sarà quello di dare forma a questa esperienza, con la pubblicazione editoriale del materiale prodotto dal lavoro svolto con i bambini delle varie scuole partecipanti al progetto.

La collaborazione tra le classi coinvolte favorirà l’inclusione tramite la conoscenza dell’altro, accompagnando i ragazzi nella realizzazione di un unico prodotto editoriale scritto a più mani.

 

QUALI STRUMENTI E QUALI MEZZI SARANNO ADOTTATI?

  • La lettura di alcuni testi da concordare con i docenti.
  • laboratori esperienziali e creativi basati sull’interazione tra il gioco, la scrittura, il disegno, la musica, tecniche di animazione del testo e dei personaggi protagonisti;
  • utilizzo pratico di un supporto digitale per la creazione di un e-book.

Giocando si impara all'IC di Rogliano

Il progetto Sorrisi si appresta alla conclusione negli istituti comprensivi calabresi. A Rogliano i più piccoli sono alle prese con il gioco di "Sorrisi" e insieme alla mascotte Fantàsio leggono e scrivono le loro storie...Restate sintonizzati, ne vedremo delle belle!

Fantasio presenta Giseppa nell'IC di Petrona'

La storia della buona notte di Fantàsio

Giseppa e la favola di Halloween tutta calabrese che piace anche agli adulti...

Il Progetto Sorrisi dalla Calabria al Salone del Libro di Torino

Il progetto “Sorrisi” con la sua spumeggiante mascotte Fantàsio dalla Calabria al Salone del libro di Torino. L'iniziativa promossa dall'Associazione Fantàsia ha potuto godere di una prestigiosa vetrina nazionale grazie alla partecipazione degli operatori Leonardo Ruffo e Ninì Mazzei che, in veste di autori, hanno presentato ai bambini di alcune scuole primarie di Torino il libro “Giseppa e il fantasma pasticcione”, pubblicato dalla casa editrice catanzarese La Rondine. All’interno dello stand istituzionale della Regione Calabria, è stata presentata la favola di Halloween ispirata alle tradizioni popolari di Serra San Bruno sul giorno dei morti. Protagonista Giseppa, una bambina calabrese che emigra coi suoi semini di zucca esportando in America il rito del coccalu che oltreoceano prenderà il nome di Halloween.

                                                                                       

Il mondo dell’aldilà raccontato con leggerezza e allegria in una storia, sospesa tra realtà e fantasia, che rappresenta il frutto di una ricerca rivelatasi particolarmente affascinante. “Tra una visita alle chiese, all’antica Certosa e qualche fotografia scoperta nel cimitero di Serra San Bruno - hanno spiegato gli autori affiancati dall'editore Gianluca Lucia - abbiamo scoperto che il culto del giorno dei defunti ha in realtà radici assai familiari e vicini alla Calabria. La festa, celebrata in tutto il Meridione, sembrerebbe essere legata al rito della rinascita, il seme che dalla terra fa sorgere nuova vita”.

                                                                                        

La presentazione del libro al Salone di Torino ha rappresentato l’occasione per promuovere anche il “Progetto Sorrisi”, sostenuto dalla Regione Calabria nell’ambito della Legge per il diritto allo studio, che, giunto alla quinta edizione, coinvolge in attività di educazione alla lettura e scrittura creativa oltre cento bambini di cinque istituti comprensivi calabresi: l’IC “Don G. Maraziti” di Marcellinara (CZ), l’IC di Rogliano (CS), l’IC “Abate Fabio Di Bona” di Cutro (KR), l’IC “Giovanni Falcone – Paolo Borsellino” di Caulonia (RC) e l’IC “A. Tedeschi” di Serra San Bruno (VV). Grazie ad un percorso di laboratori in classe e attività e-learning sul portale www.progettosorrisi.it,  gli alunni sono stati chiamati a comporre tutti insieme una nuova storia collettiva, con le parole ed i personaggi partoriti dalla loro fantasia. I risultati saranno presentati a giugno alla cittadella regionale a Catanzaro alla presenza di tutti i bambini che, attraverso il gioco, hanno imparato i valori dell’ascolto e della condivisione.

Fantasio al salone del libro di Torino

Grazie a tutti i bimbi che ascoltano quei due noiosissimi di Leonardo e Nini...meno male che ci sono io a farli ridere!

Tutto pronto ....ma dove siamo?

Dove sta andando Fantasio?