Ultimi Post


Ic Cutro: Non spegniamo la nostra fantasia!

Buongiorno a tutti, mi chiamo Maria Pia Giglio Verga e insieme a Diana Salerno rappresentiamo la classe 5^C del Plesso Capoluogo (Scuola Primaria) dell’Istituto Comprensivo “Abate Fabio Di Bona di Cutro, diretto dal Prof. Vincenzo Corigliano. Siamo liete e onorate di leggere e comunicare a tutti le nostre considerazioni e i nostri apprezzamenti su una bellissima esperienza, che ci ha permesso la realizzazione di una storia originale e fantastica, dal titolo “I fiori maledetti”. E’ nostro dovere ringraziare, innanzitutto, Leonardo e Ninì, creatori e animatori del Progetto Sorrisi, che, con tanta professionalità e con amorevole attenzione, ci hanno guidato e permesso di vivere questa nuova e ammirevole avventura. Il nostro percorso di lavoro ha avuto inizio con un incontro in Videoconferenza, nel corso del quale siamo venuti a conoscenza dell’itinerario che avremmo dovuto affrontare e portare avanti, con impegno serio e costante. Il giorno successivo eravamo già immersi nell’ attività lavorativa, insieme e impazienti di creare un personaggio fantastico, che ci avrebbe consentito di volare sulle ali dell’immaginazione, insieme a lui! E così abbiamo dato sfogo a tutta la nostra fantasiosa creatività, che noi bambini stiamo, purtroppo, perdendo perché catturati dalle rigide e odierne fantasie e prigionieri di un’esagerata  e fredda scienza tecnologica.  Nel corso della giornata del 14 Maggio, Leonardo e Ninì sono stati accolti, con gioia e tanti spontanei sorrisi, nella nostra classe: insieme a loro abbiamo messo in pratica giochi didattici e attività ludiche, che hanno stuzzicato la nostra fantasia e permesso la creazione della nostra storia: inedita, originale, fantastica, perché originata dai nostri pensieri, dalle nostre emozioni, dalle nostre immaginazioni! Un grazie va, ovviamente, alle nostre maestre, che hanno accettato ben volentieri e senza ripensamenti, di aderire al Progetto Sorrisi. Concludiamo, rivolgendo un affettuoso grazie a tutti i presenti, per l’organizzazione impeccabile di questo incontro, per le idee innovative e costruttive che propongono alle Scuole, per l’opportunità che ci hanno dato nel prendere parte attiva a questo bellissimo Progetto.

Il progetto raccontato dall'IC di Serra San Bruno

Un giorno il maestro ha annunciato a noi della classe 4 A che avremo partecipato a un progetto insieme ad altre classi di scuola primaria della Calabria che prevedeva la realizzazione di un libro contenente delle fiabe raccontate da noi bambini. Abbiamo accolto questa notizia con curiosità e interesse. Il progetto è stato proposto dall’associazione Fantàsia di Catanzaro. Il primo incontro di lavoro con i ragazzi dell’associazione l’abbiamo avuto il 23 marzo nel palazzo della regione Calabria a Catanzaro. Quel giorno, appena giunti al palazzo della Regione, abbiamo conosciuto: Mimì, Fantàsio e Leonardo che ci hanno accompagnati nella sala Oro, dove abbiamo conosciuto i bambini delle altre scuole primarie coinvolte nel progetto. Abbiamo subito iniziato a lavorare. Gli operatori dell’Associazione ci hanno posto una serie di domande e ci hanno fatto visionare un filmato istruttivo su come disegnare un personaggio.

Dalle domande e dal filmato ognuno di noi ha tratto spunti per immaginare e illustrare un personaggio e l’ oggetto utilizzato dal personaggio stesso nelle sue azioni. Il nostro lavoro è proseguito in classe il 24 aprile in videoconferenza, tramite la LIM, con gli operatori dell’associazione Fantàsia. In quell’occasione, dopo la visione di alcuni filmati istruttivi disponibili sul portale dell’Associazione Fantàsia, abbiamo illustrato paesaggi e luoghi in cui avrebbero agito i nostri personaggi. Abbiamo concluso il lavoro il 2 maggio in classe, quando Mimì, Leonardo e Fantàsio sono venuti nella nostra scuola a Serra San Bruno. Ci hanno presentato un gioco simile a quello dell’Oca, che prevedeva l’utilizzazione dei personaggi e gli ambienti disegnati da noi e dagli altri bambini delle altre scuole coinvolte nel progetto.

Così giocando, abbiamo costruito una storia fantastica alla quale abbiamo dato il titolo “ “Le avventure di Mister Saputello e i suoi amici”. In questa esperienza ci siamo divertiti molto, perché insieme abbiamo ricavato una storia fantastica , ma molto più perché abbiamo lavorato insieme ad altri alunni di altre scuole primarie e perché abbiamo conosciuto un draghetto di nome Fantàsio.

Classe IV A Scuola Primaria Istituto Comprensivo “A. Tedeschi” Serra San Bruno (VV)

Evento finale Progetto Sorrisi il 5 giugno alla Cittadella regionale

Martedì 5 giugno, alle ore 9.30, nella sala verde della Cittadella regionale a Catanzaro, alla presenza dell'assessore all'istruzione Maria Francesca Corigliano, si svolgerà l'evento finale del progetto "Sorrisi", promosso dall'associazione Fantàsia e sostenuto dalla Regione Calabria nell'ambito della Legge per il diritto allo studio. Giunta alla quinta edizione, l'iniziativa ha coinvolto in attività di educazione alla lettura e scrittura creativa oltre cento bambini di cinque istituti comprensivi calabresi: l'IC "Don G. Maraziti" di Marcellinara (CZ), l'IC di Rogliano (CS), l'IC "Abate Fabio Di Bona" di Cutro (KR), l'IC "Giovanni Falcone – Paolo Borsellino" di Caulonia (RC) e l'IC "A. Tedeschi" di Serra San Bruno (VV).

Attraverso un percorso di laboratori basati sul gioco e l'improvvisazione creativa, i bambini hanno acquisito la capacità di far nascere una nuova storia collettiva, con le loro parole e i loro disegni, grazie ad un innovativo metodo di scambio interattivo tra le scuole partecipanti. Alla Cittadella regionale – dopo l'appuntamento inaugurale dello scorso mese di marzo - tutti gli allievi e gli insegnanti, insieme agli operatori dell'associazione promotrice, avranno modo di incontrarsi, scambiarsi idee e impressioni sul lavoro svolto, all'insegna dei valori dell'ascolto e della condivisione, illustrando le storie tradotte in elaborati multimediali. L'iniziativa promossa dall'Associazione Fantàsia ha potuto godere, inoltre, di una prestigiosa vetrina nazionale in occasione del Salone del libro di Torino grazie alla collaborazione portata avanti con la casa editrice "La Rondine" che consegnerà alcuni libri ai bambini nell'occasione dell'evento conclusivo di giorno 5 giugno.

Il progetto "Sorrisi" cinque anni fa è nato con l'obiettivo di educare i più piccoli alla lettura e alla scrittura – nella doppia "veste" cartacea e digitale – come finestre aperte sul mondo e strumenti ideali per la crescita cognitiva ed emotiva. In questa edizione i bambini dei cinque istituti comprensivi calabresi coinvolti hanno condiviso il lavoro svolto in classe attraverso il metodo dello scambio degli elaborati tra le scuole, costituite in reti interprovinciali, tramite il portale web dedicato www.progettosorrisi.it. Ai laboratori pratici si è affiancata anche l'innovazione digitale grazie all'ausilio di video tutorial e video chat con operatori del settore - grafici, animatori, giornalisti e autori - che ha reso possibile l'apprendimento e la partecipazione collettiva sullo stesso sito web, luogo di scambio e confronto continuo. In questo modo ogni classe ha partecipato alla scrittura di una parte della storia delle altre realizzando quel processo di condivisione alla base del progetto.

Lavori di grafica in corso

LAVORI DI GRAFICA IN CORSO

Stiamo assemblando le vostre storie

I nostri laboratori in Classe

I laboratori

Il libro è il pretesto necessario, le parole e le immagini attivano il meccanismo della fantasia, della curiosità, della conoscenza, meccanismo che è anche alla base del lavoro teatrale.  Il teatro non è solo finzione, ma si pone come strumento educativo: attraverso il gioco si trasmettono principi quali l’attenzione ai compagni, l’ascolto reciproco, il sostegno.

Il laboratorio propone un’interazione fra il libro e il teatro usando come punto di contatto ciò che nei bambini esiste già nella sua forma più autentica: il gioco. Attraverso l’improvvisazione si lavora sulla libera espressione: così il bambino sperimenta le proprie sensazioni, le emozioni e la relazione con gli altri traducendoli nel linguaggio del corpo.

Il lavoro si divide in tre fasi

  1. Costruzione dei personaggi e dell’ambientazione della storia
  2. Trama della storia
  3. Finale della storia e realizzazione del libro.

Il nostro progetto è incentrato sul tema dell’inclusione, e il suo obiettivo è quello di far lavorare le classi delle diverse province partecipanti in stretta collaborazione. Questo sarà reso possibile grazie a un meccanismo molto semplice, simile al passaparola, che noi abbiamo rinominato passalastoria, e consiste in un gioco di scambio: l’elaborato prodotto in ogni fase di lavoro da una classe sarà integrato e concluso da un’altra classe.

Il Progetto Sorrisi, propone un percorso che inizia con la lettura creativa del testo e la produzione di materiali artistici, quali disegni ed elaborati di scrittura creativa. Si proseguirà con i giochi d’improvvisazione teatrale, per trasformare il lavoro artistico degli allievi in una storia. Tutto si concluderà con la creazione di un e-book col supporto di un tecnico informatico, a disposizione degli alunni come guida durante tutte le fasi del processo di elaborazione.