Grazie alla grande disponibilità dei Dirigenti scolastici e alla straordinaria collaborazione delle insegnanti coinvolte nel progetto, l’iniziativa giunta alla sesta edizione, ha visti impegnati in attività di educazione alla lettura e scrittura creativa i bambini di cinque istituti comprensivi calabresi e precisamente l’IC “Mater Domini” di Catanzaro,  l’IC “A. Tedeschi” di Serra San Bruno (VV),  l’Istituto omnicomprensivo “D. Borrelli” di Roccabernarda/S.Severina (KR),  l’IC statale di Rogliano (CS), l’ IC “Scopelliti Green” di Rosarno (RC).   

Il progetto “Sorrisi” è nato con l’obiettivo di educare i più piccoli alla lettura e alla scrittura quali finestre aperte sul mondo e strumenti ideali per la crescita cognitiva ed emotiva. In questa edizione i bambini dei cinque istituti comprensivi calabresi coinvolti hanno condiviso il lavoro svolto in DAD e in web conference attraverso il metodo dello scambio degli elaborati, durante gli incontri su piattaforma Meet appositamente previsti con i membri dell’associazione Fantàsia e anche tramite il portale web dedicato www.progettosorrisi.it

Ai laboratori pratici si è affiancata anche l’innovazione digitale grazie all’ausilio di video tutorial e call conferences  con operatori dell’associazione Fantàsia che hanno reso possibile l’apprendimento e la partecipazione collettiva. In questo modo ogni classe ha partecipato alla scrittura di una parte della storia delle altre realizzando quel processo di condivisione alla base del progetto. La mascotte Fantasio, con la sua simpatia, ha coinvolto i ragazzi durante le attività lasciando tanti sorrisi in ricordo di questa esperienza educativa e dal valore culturale. Attraverso il percorso di laboratori basati sul gioco e l’improvvisazione creativa i piccoli alunni hanno acquisito la capacità di far nascere una nuova storia collettiva con le loro parole e i loro disegni grazie ad un innovativo metodo di scambio interattivo tra le scuole partecipanti di ciascuna provincia calabrese. 

In occasione dell’ultimo incontro su piattaforma Meet di Google tutti gli allievi e gli insegnanti, insieme agli operatori dell’associazione promotrice, avranno modo di incontrarsi, scambiarsi idee ed impressioni sul lavoro svolto, all’insegna dei valori dell’ascolto e della condivisione, illustrando le storie prima tradotte in elaborati multimediali e trasformate, successivamente, in un vero libro. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy