Anche quest’anno la nostra scuola ha aderito con entusiasmo al Progetto Sorriso, che ha visto la partecipazione di cinque scuole della nostra regione. Si è trattato, stavolta, di un lavoro condiviso: il racconto della regina che perde le sue gemme, rielaborato in una fase iniziale dai bambini della V A della scuola primaria M. Zita di Rosarno, guidati dall’insegnante Vincenza Cannatà, è stato poi posto in essere da ogni scuola partecipante per la parte che la riguardava. In questo modo i bambini, che non hanno viaggiato fisicamente, lo hanno potuto fare sulle ali della fantasia.
Nel corso dei vari incontri, realizzati in videoconferenza, i bambini sono riusciti a creare, con le loro parole ed i loro disegni, una bella storia. Una delicata metafora per indicare il disagio e l’incertezza che tutti viviamo in questo momento difficile. Ma i bambini hanno colto appieno il messaggio positivo sotteso al racconto: ne è scaturito questo libretto, in cui essi insegnano a noi adulti che dobbiamo ritrovare i valori più costruttivi dell’animo umano, come la speranza, il coraggio, la gioia di vivere. E con la semplicità e la levità tipica dei bambini hanno fatto vivere i loro personaggi.
Da parte dei nostri piccoli artisti l’entusiasmo e la gioia di fare non sono mancati e sono stati davvero “contagiosi”. Ciò dimostra, ancora una volta, che noi adulti abbiamo molto da imparare da loro, soprattutto in un momento come questo. Un progetto importante anche e soprattutto per i nostri alunni, che hanno trovato la gioia di giocare insieme, l’allegria di raccontare, la forza di trovare la luce anche nei momenti più bui. Ed ha loro ridato quel sorriso che la mascherina forse aveva tolto.

La vicepreside  dell’IC di Rosarno
Antonia Cacciola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This website is using cookies to improve the user-friendliness. You agree by using the website further. Privacy policy